Segno della civiltà industriale per eccellenza, memoria materiale e collettiva, strumento della comunicazione sociale, le fonti cinematografiche sono, in termini documentari, tra le più ricche per ricostruire i grandi fenomeni sociali, politici e culturali che hanno attraversato il Novecento. Il cinema ha segnato e segna il tempo della collettività contemporanea, gli intrecci tra identità pubbliche e private, la rappresentazione degli avvenimenti, dei luoghi e degli uomini. Attraverso il cinema si dipana così non solo il succedersi di immagini in grado di rivelare il divenire storico di una comunità, ma anche il suo rapporto con l’arte, la tradizione, l’ambiente, il lavoro, le istituzioni.
Il compito della Cineteca è quello di acquisire, salvaguardare e valorizzare la documentazione filmica e audiovisiva relativa ai più diversi aspetti della vita economica, sociale e culturale della Liguria. Il materiale sinora raccolto nella Cineteca costituito da pellicole b/n e colori 8mm., S8, 16mm. e 35 mm, nastri video da 1”, videocassette Beta, U-matic bassa e alta banda, videocassette Betamax, Video 2000, VHS, mini DV ecc. comprende documentari istituzionali, film didattico-illustrativi, documenti di attualità, cinegiornali, film promozionali, fiction e documenta sia l’attività di importanti imprese italiane sia i più diversi aspetti della vita economica, sociale e culturale di Genova e Liguria per un arco di tempo che va dai primi anni del Novecento ai giorni nostri. I fondi disponibili alla consultazione presso la Cineteca sono qui di seguito sinteticamente elencati.

Il materiale sinora raccolto nella Cineteca (n. 4.480 pezzi dei quali 3.602 pellicole e 878 videocassette originali) documenta sia l'attività di importanti imprese italiane sia i più diversi aspetti della vita economica, sociale e culturale di Genova e Liguria per un arco di tempo che va dai primi anni del Novecento ai giorni nostri.

Per una descrizione dei fondi qui di seguito sinteticamente elencati, si rimanda agli specifici inventari analitici - a livello di singola unità archivistica - disponibili presso la sala studio della Cineteca.

Il nome del fondo è collocato a margine della pagina; di ogni fondo sono indicati: il nome, che corrisponde di norma al nome del soggetto che ha prodotto la documentazione filmica; la consistenza, espressa in unità archivistiche di base ovvero filmati e/o videocassette; la datazione, collocata tra parentesi subito dopo la consistenza e riferita alla documentazione; breve indicazione del contenuto e sintetiche notizie storico-istituzionali strettamente funzionali alla presentazione del fondo stesso.

 

 

 

 

 

X

Copyright

Contenuto protetto da copyright. Per informazioniinfo@fondazioneansaldo.it