Racconti per ripartire

Storie virtuose di Welfare del nostro territorio

Leggi

Sono un untore

Leggi

Aula virtuale e alunni connessi, la scuola online alla prova della didattica

Leggi

Sestri Ponente: fonte di lavoro, salute e benessere

Leggi

Costruire l’impossibile

Leggi

L’influenza spagnola e le Crocerossine

Leggi

Transatlantico Rex : Nave n. 296

Leggi

Distanti ma uniti : l'irrinunciabile necessitá di comunicare

Leggi

Tecnologia utile mezzo per realizzare un fine di bene comune

Leggi

100mo anniversario raid aereo Roma-Tokio

Leggi

Le grandi opportunità dopo il Coronavirus

Leggi

Salvatore Vento, sociologo

43 nn. 27407 varo Duilio 1916

Il Duilio e il suo gemello Giulio Cesare, navi della Navigazione Generale Italiana (NGI), furono i primi transatlantici a turbina a superare le ventimila tonnellate, 194 metri di lunghezza e una velocità di servizio di 20 nodi all’ora. Impostato il 30 maggio 1914 e varato il 9 gennaio 1916 il Duilio fu costruito nel cantiere navale di Genova Sestri, lo storico cantiere dei Fratelli Cadenaccio acquistato dall’Ansaldo nel 1886. Erano gli anni delle migrazioni transoceaniche dal porto di Genova dirette nelle Americhe (Nord e Sud).  

A Sestri ponente, comune autonomo fino al 1926, per un lungo periodo (1903-1922), amministrato dal sindaco socialista riformista ingegner Carlo Canepa, si realizzarono esperienze significative nelle politiche sociali e urbanistiche: dall’Università popolare sestrese alla politica di costruzione di case per operai nella centrale via Caterina Rossi. Una grande cittadella operaia con oltre 20 mila abitanti nel comune più piccolo del Regno d’Italia, 104 ettari, stretti tra mare e monti, a sud attraversato dalla linea ferroviaria che si vede nella foto.

nn. 27034 Cant.Nav.Ansaldo Fonderie Ghisa Stab.to Fossati di Sestri Ponente Genova 1925Interessante, alla luce anche dell’attuale tragedia sanitaria, è la definizione che Canepa dava del Comune, paragonato a una cooperativa: “Il Consiglio comunale è il direttore di una grande cooperativa, in cui ogni cittadino è azionista, ed in cui i dividenti consistono nella migliorata salute e nel cresciuto benessere di tutta la popolazione”. Sull’altro versante associativo erano molto attive le società di mutuo soccorso cattoliche (Soc).

Colpisce nella foto la commistione del cantiere navale con le abitazioni circostanti. In tutto il ponente genovese, infatti, le fabbriche sono dentro il tessuto urbano della città, non nelle periferie industriali. Il suo ciclo lavorativo interno determina il ciclo di vita del quartiere e dell’intera città.

43 nn. 27407 varo Duilio 1916La festa più attesa, che dà visibilità nazionale a Sestri ponente, è il momento del varo della nave quando oltre ai lavoratori e ai sestresi, per godersi l’evento, partecipano cittadini provenienti da altri comuni e le massime autorità del Regno. Purtroppo il 24 maggio 1915 l’Italia, capovolgendo le alleanze precedenti e le dichiarazioni neutraliste, entra in una guerra, la prima guerra mondiale, che durerà fino al 1918. Il Duilio fu perciò varato in fretta e furia senza le tradizionali cerimonie perché lo spazio doveva essere liberato e riutilizzato per soddisfare le esigenze belliche. Il transatlantico Duilio nasce come nave di linea dove accanto alle sale lussuose per i viaggiatori di prima e seconda classe, trasportava, in terza classe, il flusso continuo degli emigranti.

Il porto dei camalli, il cantiere degli operai navalmeccanici, le navi dei marittimi, costituivano una solida e affermata filiera produttiva, la triade porto, flotta, cantiere, che caratterizzerà l’immagine di Genova, città industriale. La foto, come sempre, situa, in un particolare momento storico, una condizione umana e sociale, che l’Archivio della Fondazione Ansaldo ha la missione di custodire e coltivare.

 

 

 

 

 

X

Copyright

Contenuto protetto da copyright. Per informazioniinfo@fondazioneansaldo.it