sva

Il 31 Maggio 1920 il Tenente Arturo Ferrarin completa l’impresa atterrando a Tokio con lo S.V.A. 9 costruito dai Cantieri Aeronautici Ansaldo, dopo ben 112 ore di volo effettivo, 30 tappe per un totale di 92 giorni. Così scrive nel suo rapporto “…posso dire con coscienza che lo S.V.A. 9 con cui ho compiuto il volo ha fatto dei miracoli. Esso ha ancora una volta confermato le splendide sue qualità già dimostrate durante la guerra ed ha dato inconfutabile prova di poter essere completamente adatto per lo speciale servizio postale, qualora ad esso tipo si apportino le modifiche consigliate dalla facente esperienza…”. Agli albori della storia dell’aviazione, l’Italia dimostrava di essere tra le nazioni più all’avanguardia con le sue capacità aeronautiche, fatte di uomini, idee, innovazione, tecnologia e industria.

La Fondazione Ansaldo, custode della memoria non soltanto industriale di questa impresa, ha deciso di ripercorrerla nel suo centenario attraverso una serie di cinque brevi articoli. Questi – corredati da una interessante carrellata di foto e testimonianze iconografiche d’epoca - racconteranno dello SVA, della ricostruzione di un modello oggi visitabile presso l’aeroporto di Genova, degli elementi sfidanti dell’impresa stessa, dell’epico volo di D’Annunzio su Vienna nell’agosto 1918 anch’esso su uno SVA e naturalmente della figura tra il pioneristico e l’eroico dell’appassionato Arturo Ferrarin.

In questo percorso la Fondazione Ansaldo ringrazia sin d’ora gli autori dei 5 articoli: Gregory Alegi, Salvatore Gagliano, Alessandro Lombardo, e Lorenzo Fiori.

Allacciate le cinture, pronti al decollo e… buona lettura.

Il leggendario SVA: l’aeroplano e il ruolo industriale dell’Ansaldo - Lorenzo Fiori, ingegnere, ha svolto numerosi incarichi operativi nelle società aerospazio e difesa del gruppo Finmeccanica (oggi Leonardo) e, a livello corporate, ha ricoperto il ruolo Chief Technology Officer per 4 anni e poi quello di SVP Strategie, svolgendo anche il compito di consigliere in molte delle società controllate e partecipate del Gruppo. Nel 2019 ha curato quale Direttore Generale lo start-up della Fondazione Leonardo Civiltà delle Macchine e dal 2020 è Direttore della Fondazione Ansaldo.

SVA 5: un semi-originale pronto al decollo - Alessandro Lombardo, è autore sin dal 1984 di saggi diversi e articoli di storia economica e di archivistica. Ha svolto - in Italia e all’estero -  conferenze, docenze e attività seminariali. Ha progettato e curato iniziative culturali diverse (didattiche, divulgative, formative, editoriali ed espositive). Membro di numerosi comitati scientifici sia in Italia che all’estero, è stato direttore della Fondazione Ansaldo, del Centro Ligure di Storia Sociale, della rivista Culture e Impresa, di ANAI Liguria e Anai GIAI.

L’ampio balzo verso il Giappone: gli ingredienti di un’impresa. – Salvatore Gagliano, generale (ris.) di divisone aerea, diplomato presso l'Accademia Aeronautica, ha prestato servizio in numerose posizioni operative e di addestramento. È stato capo operazioni aeree del 6° Stormo di Ghedi, capo della pubblica informazione dell'Aeronautica Militare supportando l’operazione NATO "Allied Force", il vertice NATO-Russia, "Iraqi Freedom" e la missione ISAF-Afghanistan. E’ stato addetto per l'Aeronautica a Madrid (Spagna). Nel corso della carriera ha conseguito un Master in Comunicazione Pubblica e Istituzionale, la laurea in Scienze Aeronautiche presso l’Università "Federico II" di Napoli, il Master in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università di Trieste.

Uomini e macchine: lo SVA e Gabriele D’Annunzio – Lorenzo Fiori adattamento testi dall’opuscolo “I Cantieri Aeronautici Ansaldo con integrazioni

Il volo Roma-Tokyo di Arturo Ferrarin: Tra eroismo individuale e impresa collettiva italiana - Gregory Alegi è uno storico e giornalista con oltre 35 anni di esperienza nell’aerospazio, difesa e sicurezza. Dal 2006 è docente a contratto di History of the Americas alla LUISS; ha insegnato Storia Aeronautica all’Accademia Aeronautica per 20 anni e Basic Aviation alla LUISS Business School. Tra i suoi lavori, La storia dell’Aeronautica Militare: la nascita, vincitore del premio letterario aerospaziale 2016. È condirettore del mensile Aeronautica, direttore responsabile della Nuova Antologia Militare e siede nel comitato editoriale di The Aviation Historian.