Fondazione Ansaldo

Italian
Fondazione Ansaldo
 

Struttura e ordinamento

In questa sezione sono sinteticamente elencati i complessi archivistici acquisiti a vario titolo da imprese, enti e persone fisiche diversi.

Come livello di base di descrizione si è assunto l'archivio. Quando la struttura di un insieme documentario è piuttosto complessa, con archivi molteplici uniti da vincoli da rispettare ed evidenziare, si è fatto ricorso ad un livello, il fondo, gerarchicamente superiore. Nel caso di archivi particolarmente articolati si è fatto ricorso ad un livello che descrive la serie o la collezione, inferiore a quello di base.
Gli elementi presenti nella descrizione sono: nome del fondo, nome dell'archivio, nome della serie o della collezione, descrizione della serie o della collezione, consistenza, datazione. Più in particolare:

il nome del fondo è collocato al centro della pagina. Data la pluralità di soggetti che hanno prodotto gli archivi e le carte costituenti il fondo, il nome adottato può essere quello fissato dalla consuetudine o coincidere con quello dell'impresa, dell'ente o della persona fisica che hanno versato la documentazione;

il nome dell'archivio è collocato al centro della pagina quando non compreso in un fondo; in caso contrario è collocato a margine della pagina. Il nome adottato corrisponde normalmente al nome del soggetto che ha prodotto e/o versato le carte e non si escludono quindi discordanze fra il nome dell'archivio e la sua reale configurazione; in ogni caso sono presenti indicazioni sulla formazione del complesso documentario;

il nome della serie è collocato a margine della pagina; di ogni serie sono indicati il nome, la consistenza, le date estreme ed una breve descrizione del contenuto. Non sono qui riportate le sottoserie;

il nome della collezione è anch'esso collocato a margine della pagina; di ogni collezione, come per la serie, sono indicati il nome, la consistenza, le date estreme ed una breve indicazione del contenuto;

al nome dell'archivio, della serie o della collezione segue la consistenza indicata normalmente con l'endiadi buste e registri. Si ricorda che l'unità archivistica di base è il fascicolo;

la datazione degli archivi, delle serie e delle collezioni è stata collocata tra parentesi subito dopo la consistenza. Nella descrizione dell'archivio questa collocazione sottolinea il fatto che la datazione si riferisce alle carte e non al soggetto che le ha prodotte. In presenza di rilevanti lacune le date estreme sono state suddivise in due coppie;

alla datazione segue l'indicazione del mezzo di corredo disponibile presso le sale studio. Questo può essere l'inventario (analitico o sommario a seconda del grado di analiticità della descrizione della singola unità archivistica) o l'elenco (elencazioni, non sempre ordinate, delle unità archivistiche o di conservazione costituenti l'archivio).

Per ciascun archivio, infine, sono presenti sintetiche notizie storico-istituzionali strettamente funzionali alla comprensione dell'ente produttore e indicazioni sulla documentazione conservata.

La documentazione a tutt’oggi acquisita in gestione è ripartita tra: Fondo Acciaierie e Ferriere di Bolzaneto; Fondo Ansaldo e archivi aggregati; Fondo Banco di Chiavari e della Riviera Ligure; Fondo Borsa Valori di Genova; Fondo Costa; Fondo Dufour; Fondo Finmare; Fondo Gaslini; Fondo Ilva e archivi aggregati; Archivio Manzitti; Fondo Perrone; Fondo Pittaluga; Archivio Steno; Archivio Zoncada.

Sono consultabili, in copia e previa specifica autorizzazione della direzione, carte provenienti dagli archivi privati delle famiglie Ansaldo e Dufour e l'archivio di Agostino Rocca conservato in originale presso la Fondazione Einaudi di Torino.

 

Sono stati inoltre acquisiti:

  • archivio De Leonardis, amministratore delegato Asgen (1957-1977);

  • archivio Milvio, presidente e amministratore delegato Ansaldo (1976-1983);

  • archivio dell’ufficio legale Ansaldo (1963-1981);

  • raccolta Italimpianti di Giovanni Scagliotti, ex dipendente della stessa (anni Settanta-Novanta);

  • carte Sandro Scarsi (1952-2002);

  • raccolta Fernando Carretta ex Direttore Generale Italimpianti (1970-1993); carte stabilimento Fossati (1936-1943);

  • carte Campanella Consolini (1960 – 1987);

  • carte Massimo Bisca (anni ’40-’70);

  • raccolta materiale a stampa Ansaldo Ricerche spa (anni ’70 – ’90);

  • raccolta Bollettino Tecnico Finsider da Sebastiano Frixa (anni Sessanta);

  • carte Dopolavoro Ansaldo da Maria Luisa Pareto (1928 – 1938);

  • carte Medelin Caprara (anni ’40 – ’70);

  • raccolta Renato Pagano (anni ’80 – ’90);

  • carte della società S.I.A.I.S. (anni ’50 – ’60);

  • dossier produzione bellica stabilimento Fossati da Mario Pelli (1936 – 1943);

  • carte Angelo Manca (1902 – 1911).

 

Archivi e Raccolte


Tutti i documenti, il materiale e le informazioni contenuti in quest’area del sito internet della Fondazione Ansaldo sono di proprietà e di uso esclusivo della Fondazione medesima. E’ quindi fatto divieto a chiunque di diffondere e utilizzare tali documenti, materiale e informazioni con modalità e per scopi diversi da quelli espressamente previsti e autorizzati dalla Fondazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge e saranno chiamati a risponderne in sede civile e penale. 

Fondazione Ansaldo usa cookies per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente.
We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.